I migliori bistrot di Roma secondo il Gambero Rosso

Orari lunghi, cucina d’autore, cocktail pairing, ambienti cosmopoliti: ecco i bistrot con Tre Cocotte per la guida Roma e il Meglio del Lazio 2024

Dal Gambero Rosso

Spazio Niko Romito Bar e Cucina

Sfaccettato il format del locale romano dello chef Niko Romito

La proposta – così come l’ambiente – è variegata: si parte dalla colazione mattutina, con caffetteria, cornetti e brioche, soprattutto nello spazio intorno al bancone, mentre a pranzo e cena ci si accomoda ai piacevoli tavoli nella veranda sul retro, il focus sul menu curato da Gaia Giordano: una cucina pienamente contemporanea, ma anche cangiante, che va da piatti di alta scuola, come i tagliolini freddi, scampi e peperoncino verde (il tocco della chef sulla pasta è davvero speciale) o la ricciola marinata, pane nero, avocado e basilico, a proposte più quotidiane, come le insalate (buonissimo il tonno sott’olio fatto in casa, cipolla arrosto, misticanza).

I più golosi troveranno sempre i signature che hanno reso famosa l’insegna: bombe salate in tante farciture – ad esempio maialino sott’olio, senape e cavolo marinato – e il pollo fritto intero da dividere in due. Dall’ora dell’aperitivo cocktail di ottima fattura, magari accompagnati dal sontuoso “Spazio in condivisione”, esercizio godibilissimo che rivisita l’antipasto all’italiana, con assaggi di salumi e latticini, come cuor di Paganica e mozzarella di bufala, fritti (alici panate) e bocconi come pandolce e acciughe o pizzetta e zucchine alla scapece. Servizio cordiale e professionale, adeguata la scelta di vini e birre. Leggi tutto.

Per prenotare un tavolo chiamate il